Napoli

Cantiere Napoli verso le elezioni del 2021

Chi ama Napoli ha un appuntamento importante da non perdere

Insieme per una Città migliore

RICOSTRUIAMO NAPOLI

I) Ricostruzione Amministrativa del Comune di Napoli e delle Partecipate:

Una macchina che non funziona, costa tanto e dà pessimi servizi ai cittadini !

Riforma della macchina amministrativa e dei rapporti con le partecipate •Le partecipate devono essere intese come strumenti per il miglioramento burocratico e per erogare servizi ai cittadini e non macchine di consenso elettorale Le nomine dovranno avvenire attraverso una valutazione scevra da interessi di spartizione politica, ma premiando il merito e la competenza

II) Ricostruire la Vivibilità Cittadina

La vivibilità urbana nelle moderne metropoli assume un valore essenziale (indicatore delle principali caratteristiche della Città)

Una città accogliente è un luogo ove si rispettano i tempi di vita di tutti i cittadini (o meglio, di tutti gli esseri senzienti) La somma tra verde urbano, raccolta differenziata, manutenzione delle strade, spazi di gioco e di sport, trasporti e decoro urbano sono elementi che devono essere gli obiettivi primari di qualsivoglia amministrazione cittadina.

Dove mancano la politica, l’amministrazione e quindi una visione chiara della Città, subentra l’economia pervasiva e spicciola (spesso legata – a queste latitudini – anche al malaffare) che troppo frequentemente, sull’altare del guadagno, sacrifica i diritti fondamentali dei cittadini. Sono anni che dietro la scusa della cronica mancanza di risorse, si lascia mano libera alla “spontanea” trasformazione di intere aree urbane, che vengono accaparrate da chi avanza pretese di sfruttamento economico di spazi pubblici e che, purtroppo, non beneficiano neppure di efficaci ricadute sociali.

Noi di Ricostruzione Democratica pensiamo che non c’è sviluppo senza programmazione e visione della Città!

Aiutaci a anche Tu ad immaginare la Tua Città come un luogo accogliente, ove poter crescere i nostri figli e alla portata di tutti, inclusi anziani e disabili

III) Ricostruire la Città dello Sport

Napoli è sempre stata una fucina di Campioni che portano lustro ed orgoglio alla Città ed ai Napoletani •I nostri campioni e le nostre eccellenze sportive devono trovare nell’Amministrazione Comunale la giusta accoglienza ed hanno il diritto di pretendere la massima collaborazione dagli uffici, dal Sindaco, dalla Giunta e dal Consiglio Comunale. Lo Sport equivale ad una vera e propria politica sociale, dunque non può mai essere il fanalino di coda, in quanto ad interesse ed investimenti. Noi ci impegniamo affinché gli impianti sportivi esistenti sul territorio siano assegnati, mediante procedure corrette ed imparziali, a coloro che da decenni si impegnano sul territorio.

IV) Ricostruzione Contabile del Bilancio Comunale.

Una revisione del Bilancio Comunale sciogliendo il nodo della grave sofferenza economico/finanziaria dei conti del Comune (4 Miliardi di debito e 3 Miliardi e 600 milioni di crediti non esatti). La nuova amministrazione dovrà porre immediatamente la questione al Governo Centrale. Aiuti in cambio di efficienza, economicità e competenza con la instaurazione di nuovo patto con i Cittadini. I Conti del Comune di Napoli sono inquinati da crediti “tossici” per oltre 3 miliardi e 600 milioni di euro, che non saranno mai incassati nella loro totalità. Occorrerà proporre una pace fiscale volta alla pulizia del bilancio ed a ricostruire un nuovo rapporto di fiducia con i Cittadini. Il nodo delle entrate è legato sia alla povertà economica sia alla pessima qualità dei servizi che non spingono i cittadini a versare le tasse. Diventa pertanto necessario efficientare e migliorare i servizi.

V) Ricostruzione Economica.

Napoli ha enormi potenzialità e noi che siamo innamorati di Partenope lo sappiamo bene. Aspiriamo a governare i processi di sviluppo economico sburocratizzando attraverso il sistema delle responsabilità. L’Amministrazione deve avere l’obiettivo di premiare con la semplificazione gli attori economici della Città essendo però severa con chi aggira e viola le regole creando concorrenza sleale e danneggiando, quindi, i player economici corretti. Gli asset di sviluppo devono essere quello Idustriale, della Cultura e del Turismo, quello Portuale, dell’agricoltura e degli scambi commerciali. Libera iniziativa economica indirizzata verso una visione green della Città. Napoli deve essere la Capitale del SUD, i progetti di sviluppo di Napoli saranno da traino per il rilancio del mezzogiorno e, quindi, del Paese. E’ al SUD che abbiamo margini di miglioramento enormi rispetto al Nord del Paese. L’Italia può essere veramente competitiva solo se parte il SUD, di questo dobbiamo esserne consapevoli ed assumercene la responsabilità.

VI) Ricostruzione Sociale.

I rapporti sociali sono fortemente condizionati dalle condizioni economiche in cui versa la città, da anni inchiodata a progetti non realizzati. La ricostruzione economica è la base per affrancare la fascia del sottoproletariato urbano dalla schiavitù della povertà. I progetti di assistenza sociale devono sempre avere come obiettivo quello della integrazione nel tessuto connettivo cittadino.  Lo Sport è la prima politica sociale perché è prevenzione e recupero. La promozione sportiva di tutte le discipline attraverso progetti di incentivazione mediante l’uso delle strutture comunali. Alle società sportive, federazioni, enti di propaganda occorre dare spazi in cambio di progetti sportivi che riguardino il maggior numero di cittadini di tutte le fasce di età.

VII) Ricostruzione Urbanistica.

I grandi progetti urbani dell’area Est e dell’area Ovest di Napoli ormai fermi da oltre 30 anni. Il rilancio di queste aree che sono messe in comunicazione dalla fascia costiera che attraversa il Porto di Napoli, nello scenario del Golfo, richiedono impegno affinché si sblocchino i nodi amministrativi, politici, giudiziari ed economici. Ogni processo di rilancio economico passa attraverso una riqualificazione urbana. L’area Ovest sarà un grande polo ludico/sportivo/culturale attraverso la ricollocazione funzionale dell’area ex ILVA, Mostra d’Oltre Mare, ex Base Nato e gli impianti sportivi di cui essa è già munita. L’area Est dovrà meglio collegarsi col porto di Napoli ed avere come destinazione l’industria cantieristica e da diporto con la valorizzazione del polo universitario già presente. L’Istituzione di una Zona Economica Speciale ad EST e ad OVEST per attrarre investimenti. Occorre ripensare le funzioni del Centro Storico e della periferia Nord di Napoli, non possono essere considerate il primo un enorme Fast Food, meta del turismo e dello “svago” che consuma la città, la seconda un dormitorio con servizi oltremodo pessimi. Verde pubblico ed incentivo per il verde privato riducendo il consumo del territorio.

VIII) Ricostruzione Edilizia.

Il patrimonio privato e pubblico versa in uno stato di degrado che espone i cittadini a rischi per la loro incolumità personale. Un grande progetto unitario per stimolare la ristrutturazione edile di edifici pubblici e privati, partendo dalle scuole per il pubblico e mettendo in campo processi di incentivazione attraverso sgravi per le ristrutturazioni privati sfruttando ogni risorsa pubblica statale e comunitaria.

IX) Ricostruzione Politica

Il grande patto tra le forze politiche della città deve essere guidato dalla società civile. Il fallimento dei partiti cittadini è legato alla cultura della spartizione ed è la causa primigena del nostro progetto, per cui la società civile deve scendere in campo guidando il processo di ricostruzione politica rappresentandone lo stimolo. Le scelte che si devono fare a Napoli sono e saranno per i prossimi 10 anni di carattere amministrativo dove l’ideologia assume un ruolo marginale attesa la necessità del soddisfacimento dei bisogni minimi cui i cittadini hanno diritto secondo standard europei.

X) Ricostruzione Civile.

Si devono mettere in fila i diritti fondamentali affinché si tenga bene a mente la scala di valori costituzionale che al vertice pongono l’ambiente e l’essere umano. L’economia deve essere lo strumento per il miglioramento dei cittadini e mai di pregiudizio per i Diritti Umani e per l’Ambiente. Nel bilanciamento degli interessi pubblici e privati occorre tenere bene a mente questo principio affinché si declini in ogni sua forma come azione amministrativa da mettere in campo sul territorio. Ristabilire gli equilibri con un nuovo patto civico affinché l’azione amministrativa sia volta alla composizione degli interessi affinché il cittadino sia tutelato nel suo essere il punto di partenza per il benessere collettivo.

XI) Ricostruzione scolastica integrata.

Anche se il Comune ha una competenza residuale sull’istruzione svolgendo un ruolo solo con riferimento al patrimonio edilizio scolastico, al servizio di mensa e nella scuola dell’infanzia, obiettivo del miglioramento sociale del Comune deve essere quello dell’integrazione tra programmi scolastici, culturali e sportivi. Gli edifici scolastici sono diffusi sul territorio comunale e devono rappresentare per gli orari extracurriculari centri di formazione culturale e sportiva. Le strutture devono, in collaborazione con i Dirigenti Scolastici, essere sfruttate come luoghi a servizio dei cittadini incentivando i tanti progetti di apertura che già si svolgono in città.

XII) Ricostruzione Culturale e Turistica

Napoli ha una sua spontaneità ed effervescenza culturale che deve trovare sbocco in progetti di sviluppo che consentano di valorizzare e tutelare il patrimonio artistico e monumentale di cui è dotata. Progetti di sviluppo culturale non si devono poggiare solo sulle gambe delle associazioni ma devono avere una collocazione nell’ambito di uno progetto unico guidato dal comune che si sviluppi per assi. Cinema, Teatri, Mostre, Musei, Patrimonio Monumentale, produzione musicale e canora, librerie ed arte letteraria, il mare devono essere messi a sistema per alimentare innanzitutto la crescita culturale dei cittadini e poi del turismo. Napoli non deve essere vittima del turismo ma deve guidarlo.

RICOSTRUZIONE DEMOCRATICA

7 pensieri riguardo “Napoli

  1. Questa bozza di programma è assolutamente condivisibile.
    Napoli, città eccezionale per mille ragioni (storiche, naturali, culturali, etc), ha bisogno di normalità, a partire dalla ripartenza dei servizi essenziali (trasporti, gestione rifiuti, verde pubblico, impianti sportivi, servizi ed edilizia scolastica, welfare, funzionamento degli uffici comunali, etc), che negli ultimi dieci anni hanno conosciuto un devastante declino e abbandono. Servono invece eccezionali sforzi e determinazione per far ripartire i due fondamentali poli propulsori della città, per la rinascita economica e perché no culturale (come progresso): Napoli Est e Napoli Ovest.
    Buon lavoro dunque.
    Io ci sarò

    "Mi piace"

    1. Io ci sarò anche se con i limiti delle mie capacità ma pronta a fare il possibile per vedere una rinascita di Napoli! Lo dobbiamo a noi stessi ed ai giovani a cui fin’ora è stato rubato il futuro!

      Piace a 1 persona

  2. Condividendo a pieno il programma esposto relativo alla ricostruzione della nostra città da sempre maltrattata , degradata e abbandonata dalle istituzioni.
    Napoli definita da molto “ la città più bella del mondo “ ricca di bellezze naturali e artistiche“, deve rinascere nel suo splendore. Grazie per l’opportunità che ci viene data dall’Associazione Politico/Culturale “ Ricostruzione Democratica” perché insieme sarà possibile farle recuperare la sua “dignità”.
    Con “Ricostruzione Democratica” ricostruiremo una città migliore.

    Piace a 1 persona

  3. Programma esaustivo che individua e mette a nudo tutte le problematiche che attanagliano la nostra città per le quali urgono interventi mirati.
    Da cittadino , non posso esimermi dal compito di collaborare all’auspicata rinascita di Napoli.
    Insieme ce la faremo.

    Piace a 1 persona

  4. La nostra città ha estremo bisogno che vengano attuati gli interventi che ritrovo nel programma esposto da “Ricostruzione democratica”.
    Chi ama Napoli non può che aderire con entusiasmo alle iniziative proposte.

    Piace a 1 persona

  5. Ottima e promettente iniziativa socio-culturale.
    Da appoggiare e promuovere per coloro che credono nella rinascita e valorizzazione della città partenopea.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: